Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Un lunedì mattina sereno, poco traffico, poco freddo, persino poca gente sui mezzi. Forse è il mio giorno fortunato. Entro al supermercato per comprarmi l’occorrente per un panino. Pranzerò in ufficio, come al solito. Saggia austerity, come impongono le mie tasche, nonchè il delicato momento storico. Mi prendo una rosetta  e trovo pure il Ferrarini in offerta. Questo è decisamente il mio giorno fortunato. Decido di festeggiare: stracchino! Quello Despar, monodose, costa meno.

Felice arrivo in ufficio. Caffè, gocciole e Notapolitica. Scorro velocemente la rassegna stampa e … mi strozzo con una gocciola, sbianco inorridita, tremo.

Ho certamente letto male, dopo tutto è lunedì mattina, sarebbe del tutto normale. Però no, ho letto bene. Mi sento ferita e confusa. Pensavo che Silvio mi difendesse.

Leggo una sua dichiarazione al Corriere della Sera: “Monti ha  fatto intendere che porterà la tassazione degli immobili in linea con la  media europea, mentre ora è al di sotto. E’ possibile che questo  comporti l’introduzione di un’imposta simile all’Ici, da noi già  prevista con il federalismo, ma completamente diversa rispetto alla  precedente impostazione già nella nostra riforma. Dunque una continuità  di linea con il nostro governo, con un probabile anticipo dei tempi  rispetto al 2014 che noi avevamo previsto”.

Silvio mi sta dicendo che va bene l’Ici sulla prima casa, a patto di chiamarla diversamente. Potremmo chiamarla in qualsiasi modo, sempre mantenendo un acronimo, che fa più tassa. Ad esempio, potremmo chiamarla GIM (grossa inculatura immane), oppure MIA (mega inculatina allucinante).

Però appena dopo si dichiara contrario alla patrimoniale.

E ora io sono veramente in ansia. Io pensavo che Silvio volesse che la prima casetta, fosse come… una sorta di diritto. Te la sei comprata con trent’anni di mutuo, tra sacrifici e vacanze a metà, mettendo nel carrello il panettone Coop anzichè il Bauli, per risparmiare, evitando di comprarti le scarpe fighe o il jeans di marca per fare il tosto. Hai sgobbato, e te la sei comprata. Quando morirai, tuo figlio ci pagherà pure sopra la tassa di successione. Che altro devi dare allo stato? Una fetta di culo?

Io una casa mia probabilmente non ce l’avrò mai. Questo lo so da tempo. A meno che io non decida di acquistare una casa in uno sperduto comune del Sud, dove la media del prezzo al metro quadro è più bassa.

Mettiamo che riesca a comprarmi un bilocale a Molfetta, chi mi difenderà?

Devo trovare un paladino. Una persona che la pensa come me, che pensa che io, sulla mia casa a Molfetta, non debba pagarci tasse ingiuste. Devo scorrere le dichiarazioni dei politici, dei sindacalisti, finanche degli attori e dei cantanti. Devo trovare il mio paladino.

Ecco! Trovato!

Repubblica.

Leggo: “Monti non tocchi Ici”.

Sono impaurita.

Oggi, lunedì 21 novembre 2011, il mio paladino è Susanna Camusso.

Eccola, con un cappellino da baseball, rosso come er core mio.

Annunci

Tag:, , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: