Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Ora che il clima è tornato quasi normale (nel senso che fa freddo), ci si può dedicare agli acquisti natalizi. Mentre mi aggiro per negozi e centri commerciali mi vengono in mente i versi di una grande canzone:

Provo a non ridurmi all’ultimissimo momento
Ventiquattro sera diciannove e ventinove negoziante,
stai chiudendo
Mi accontento di qualunque puttanata
una maniglia colorata, un portaspilli,
un portafogli, un portafigli, una cagata,
qualcosa…

Facendo i regali ho realizzato quattro verità sulla società italiana.

Per prima cosa, è falsissimo che gli italiani non comprano libri. Forse gli italiani comprano SOLO libri! Detro la Feltrinelli non si cammina. 5 le casse aperte, manco all’Auchan.

Poi, non è vero che gli italiani non fanno figli! In giro è pieno di bambini fino ai 6/7 anni, passeggini, biberon, pupazzetti. Insomma gli italiani si riproducono.

Terza verità, collegata alla prima: non è vero che la tecnologia sta ammazzando la carta stampata. Non solo si comprano libri, ci si rimpie anche di agendine! Il mercato delle agendine è fiorente e particolarmente lucrativo. Un’agendina di merda può venirti a costare anche 20 euro, 22 euro, e parlo del formato tascabile!

In ultimo, agli italiani piace comunque farsi prendere per il naso. Se il mercato delle agendine è fiorente, quello dei saponi artigianali è addirittura florido, rigoglioso e in crescita esponenziale. Un etto di sapone in una nota catena di saponi artigianali può costarti anche 18 euro e oltre. Una composizione con tre pezzetti di sapone dai nomi improbabili ti viene sui 30 euro, se ti va bene. Roba da matti, direte voi. Chi vuoi che si faccia fregare in questo modo? Eppure sti negozi sono stracolmi di gente e secondo me seguono una precisa strategia di mercato. Sono piccolissimi! Quindi è facile che si riempiano, bastano … che ne so … 9 persone! Tu passi davanti, vedi un negozio colorato pieno di gente e come un fesso entri, perchè ti sembra che se non entri ti stai perdendo il regalo del secolo, e non vuoi certo farlo. Devi avere il regalo del secolo.

Così come devi avere la tv in offerta al sottocosto di Mediaworld. Intorno a te vedi decine di carrelli con il Samsung 32” a 299 euro. C’è chi ne ha presi due. Gli avventori si incontrano, si scambiano muti sguardi di intesa: “L’hai preso pure tu eh? E che te lo fai scappà???” Alcuni si parlano, sorridono e dicono: “Dice che no l’ha comprato nessuno sto televisore! HAHAHHAHAHAHA”.

La cosa bella di queste giornate di acquisti è che ti riservano sempre delle sorprese. Può capitarti che vai a posare il carrello e ti trovi a non poterlo posare perchè ci sono delle persone affollate davanti ai gancetti posacarrelli. Che stanno facendo? Stanno realizzando un’intervista a due ragazzi. Li hanno fatti sedere sui posacarrelli e li intervistano lì in mezzo al parcheggio coperto di Porta di Roma.

Non poserai il tuo carrello, questo Natale.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: