Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Non è ora di smetterla di tirar fuori la solita tiritera ogni volta? Ogni festa, ogni celebrazione, ogni giorno in cui si potrebbe solo fare gli auguri e sorridere ci deve essere il guastafeste che afferma che le feste sono commerciali, nient’altro che una scusa per spendere soldi. E dovrebbe essere tutti i giorni la festa della mamma! E dovrebbe essere tutti i giorni la festa del papà! E dovrebbe essere tutti i giorni la festa degli innamorati!

Ebbene, non rompete tanto i coglioni. Sono balle, state dicendo un mare di balle. Se una cosa si fa tutti i giorni diventa scontata, come fare colazione con una tazza di latte o mettersi il pigiama prima di andare a dormire.

Anche perchè, se proprio vogliamo fare i seri a tutti i costi, San Valentino è una festa che forse non è mai stata così importante, per il nostro paese e per il resto del mondo.

Vi pare scontato che l’amore si celebri? Io non credo.

Proviamo per un attimo a non pensare ai cioccolatini o alle candele, proviamo ad escludere per un secondo chi si ama già da tanti anni, chi è invecchiato insieme, chi ha passato la vita a prendersi cura della persona che ama. Proviamo a concentrarci sui ragazzi, a pensare a quanto può essere difficile oggi per due persone che si amano costruire un futuro insieme. E non voglio neanche parlare di altri paesi, restiamo sull’Italia.

Senza un lavoro più o meno sicuro, senza casa, senza fiducia. Le coppie che riescono a sposarsi sono niente di meno che fortunate, privilegiate. Ed è sbagliato, semplicemente sbagliato che sia così. Non è questione di punti di vista, chi non lo desidera non è obbligato a farlo. Di solito, però, da che mondo è mondo, chi si ama vuole stare insieme, vuole vivere insieme, vuole prendersi un impegno, legarsi all’altra persona. Perchè legarsi alla persona che si ama non significa privarsi della propria libertà ma viverla pienamente.  Poco importa se si creda o meno nell’opportunità di sigillare questo legame davanti ad un cretino con una fascia tricolore o davanti a uno con una tunica bianca. L’importante è avere la possibilità di scegliere.

E in Italia, un paese che si dice del progredito Occidente, nel 2012 ancora c’è chi non si può permettere di fare una scelta.
Alcuni non possono farlo perchè non ne hanno le risorse econoniche.
Alcuni altri non possono farlo perchè non glielo permette l’ordinamento statale, che disprezza il loro amore al punto di considerarlo inferiore rispetto a qualsiasi altro.

Davvero non c’è bisogno di celebrare l’amore?

Aripensatece va!

E oggi, Google ha un doodle bellissimo 🙂

Annunci

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: