Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Ho sempre considerato le catene di fast food a base di hamburger e patatine un segno inconfondibile di civiltà.

Per me MacDonald’s e Burger King sono un faro, una luce. Non mi interessano le proteste no global e nemmeno gli allarmismi dei detrattori del junk food. Un giorno moriremo tutti, ma alcuni di noi moriranno senza aver mai gustato un double bacon cheeseburger. Peggio per loro.

Devo dire che però negli ultimi anni qualcosa mi turba. Si tratta dei nuovi contenitori per i rifiuti, quelli elettronici, che se avvicini il vassoio si aprono e si pappano tutti i tuoi scarti, di qualsiasi genere. Sono effettivamente più comodi di quelli vecchi, quelli manuali. Erano la rovina dei maldestri come me, perchè per aprirli poteva cascarti il vassoio per terra e potevi fare una figura di merda davanti a tutti gli avventori. Per di più erano sempre lerci da fare schifo. Li temevo molto, ma erano veraci, intuitivi. Sapevi che erano pericolosi, era evidente.

Questi nuovi invece sono terribilmente infidi. Sembrano innocui, efficenti, puliti. Ma siamo sicuri che il sensore funzioni bene? Può accadere che il sensore non funzioni bene, e io mi sento deficente a stare lì davanti col vassoio che urta contro la barriera metallica che non vuole saperne di aprirsi. Dietro di me si fa la fila e quelli dopo di me non hanno mai nessun problema con il sensore di merda. I contenitori automatici, per noi maldestri, sono una vera e propria minaccia sotto mentite spoglie. Sono come i contenitori per vestiti usati, quelli grossi gialli che trovi per strada. Sono un vicolo cieco, una trappola mortale. Se ci metti qualcosa dentro è fottuto forever.

Vale per le patatine che ti sono avanzate come per il tuo cellulare.

Non ci credi? Non credi che siano una minaccia per il mondo?

Check this out:

Annunci

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: