Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

La letteratura francese è un campo in cui non posso esprimermi. Direi delle grosse banalità, del tipo: che palle la letteratura francese. Così evito di addentrarmi in una critica ignorante e mi attengo ai semplici fatti. Fatti che mi hanno fatto riflettere.

Sono andata al cinema perchè in un weekend di pioggia, quando non hai abbastanza fame per cenare, non ti resta che dare carburante alle case di produzione e ai proprietari dei cinema. E poi consultando MYmovies dicevano che ne valeva la pena. Così sono andata a vedere Bel Ami, film basato sull’omonimo romanzo di Guy de Maupassant. Per rendere più simpatico un romanziere francese devi sperare che abbia un nome come questo e immaginare di chiamarlo: Hey guy! all’inglese. O pensare che ha lo stesso nome di Guy Ritchie, che sicuramente è un uomo più divertente di quanto sia stato lui in vita.

Ma veniamo al film. Devo qualche parola agli attori. Non avevo letto su MYmovies che il protagonista era interpretato da Robert Pattinson, altrimenti mi sarei immediatamente provocata uno svenimento controllato. Pattinson non è l’incarnazione di Di Caprio, ovvero non è l’idolo delle ragazzine che è anche, per combinazione, un bravo attore. E’ una patata che fa un sacco di smorfie con la bocca, e passare dall’adorabile vampiro alla letteratura francese è stato un salto un po’ azzardato. Talmente azzardato che nella locandina hanno deciso di fargli tenere l’unica faccia che sa fare, quella da pallido vampiro. Mi ha turbato un po’ che Kristin Scott Thomas e Christina Ricci, che di anni di cinema bene o male sulle spalle ne hanno a decine, pur di lavorare sono state costrette a slinguarsi il pallido coso. Che lo facciano loro un po’ mi tocca, ma che lo faccia Uma Thurman, che ormai ricordo solo come la cazzuta Black Mamba, è inaccettabile.

Bel Ami è la storia di un giovane uomo senza qualità alcuna, se non quella di essere belloccio. Invece di fare la fame e condurre una mediocre esistenza da povero cristo, preferisce approfittare delle donne della Parigi bene, andarci a letto e farsi raccomandare ai rispettivi mariti. Senza significativi cenni di pentimento o senso di colpa, scala la società parigina fino a riuscire infine a sposarsi una giovanissima ereditiera, scema come e più della madre, che lui si era anche precedentemente fatto, e il cui padre lo ha in odio come una verruca sul mignolo del piede destro.

In pratica, è la storia di un velino, di uno che tutti vedono come idiota, arrivista, avido, uno che nella vita non combinerà mai niente, un incapace con una gan botta di culo.

Tutto ciò mi ricorda qualcosa. Non è forse il modo in cui tutti noi giudichiamo le giovani escort che riescono a raggiungere il successo più o meno allo stesso modo di Bel Ami? Tutte quelle Belles Amies che pian piano, a forza di farseli tutti, beccano quello giusto e alla fine si fanno pure sposare? Quelle Belles Amies diventano attrici, show girls, consiglieri regionali…ministri… e alla fine vengono pure chiamate ‘signore’. La vita le avrebbe destinate a fare le cassiere della Sicma ma loro hanno pensato che tutto sommato non gli andava particolarmente a genio. E pensa un po’? Ce l’hanno fatta.

Noi benpensanti siamo pronti a dire di essere migliori di loro. Ci guardiamo allo specchio e ci sentiamo più intelligenti, più integri, più consapevoli, più onesti.

Chi è il più scemo?  Chi è il più cretino? Quello non sa scrivere due parole in fila o quello che si fa infinocchiare da chi non sa scrivere due parole in fila?

Mia mamma m’ha sempre detto: chi più ne fa, più è priore. Per questo, consiglio a tutti di andare al cinema a vedere Bel Ami, tanto per non sentirsi migliori o più intelligenti di nessuno. Tanto per ricordare che un bell’aspetto e un paio di tette messe bene valgono più di un’onorata carriera. Tanto per ricordare che, malgrado quello che vi possono raccontare, tutto ciò non accade certo per colpa di Berlusconi. Ci metterei la mano sul fuoco che con Guy de Maupassant… mi sa che non si sono mai conosciuti.

Annunci

Tag:, , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: