Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Buongiorno. Ho l’allergia.

Da qualche anno soffro di una lieve forma di allergia che mi va a colpire soltanto agli occhi. Molto fastidioso, devo dire. Succede che a metà nottata mi rendo conto di avere un fastidio agli occhi e mi sveglio con due pomodori pachini infilati nel cavo oculare, lacrimosi, doloranti, semichiusi. Praticamente sembro un vampiro. Il che mi rende anche piuttosto di moda al momento, specialmente tra gli adolescenti.

Ebbene, decido che devo fare qualcosa. Non posso andare in giro così.

Mi si consiglia il Rupafin, antistaminico, mi si dice, dalle doti inaspettate. Mi reco in farmacia. Chiedo la suddetta medicina. La farmacista non sembra capire cosa le chiedo. Che strana casta quella dei farmacisti. Non sanno quasi mai assolutamente un cazzo di quello che gli chiedi. Infatti la signora farmacista in questione mi chiede: con la b o con la p? Le dico: guardi, me lo hanno detto per telefono, credo sia una p…ma non posso giurarglielo. Dopo una breve ricerca trova il prodotto. Le chiedo se sa per caso se sia un antistaminico molto forte o no. Mi guarda con indifferenza, fa una smorfia con la bocca e dice: come tutti gli antistaminici. Bene, un valido aiuto, un’informazione preziosa…meglio che me lo trangugi velocemente senza fare ulteriori domande a questa collaborativa farmacista.

Ma sai, prima di trangugiare una medicina a me piace sapere cosa sto ingerendo. Che ne so, la posologia, le controindicazioni, le interazioni con altri farmaci o con cibi e bevande…insomma non vorrei sbagliare! Così do un’occhiata al foglietto nella scatolina. Una cosa che non farò mai più, perchè se stai lì a leggere ti viene un colpo. Puoi stare certo che almeno un caso di morte si è verificato, insieme a casi di malattie sconosciute e dai nomi gravissimi e inquietanti. Però rilassati, sono casi rari. E poi non prendere sta medicina se guidi un convoglio pesante o manovri macchinari in fabbrica o se devi poi recarti al karaoke, perché chi l’ha preso, nel 50% dei casi, tende a stonare.

E poi ci sono quelle interazioni assurde, che tu non ti aspetteresti mai.

Il Rupafin, ad esempio, non lo puoi assolutamente prendere insieme al succo di pompelmo. Puoi bere anche 7 litri di succo di albicocche, ma se bevi un bicchiere di succo di pompelmo, sono cazzi tuoi.

Tag:, ,

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: