Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Stamattina ho letto che in un supermercato tedesco nella cittadina di Suederlueng hanno fatto una promozione molto particolare. Se uno andava lì nudo gli davano l’equivalente di 250 euro di buono sconto. E’ stato un grandissimo successo.

Questa iniziativa mi entusiasma. E cade anche a fagiolo. Ultimamente riflettevo sul luogo ideale per rimorchiare. Quindi vorrei fornire ai lettori di sesso maschile (ma, eventualmente, anche a quelli di sesso femminile) qualche ragguaglio.

La mattina al supermercato ci sono solo donne. Si tratta in particolare dell’orario tra le 8 e le 9 del mattino. Un orario che secondo me è ancora poco sfruttato. Perchè in effetti, come ho sempre sostenuto, è l’orario ideale per rimorchiare. Lì trovi tutti i tipi di donne. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Oddio, non tutte valgono un approccio, certo. Ad esempio io sono un vero zombie già a quell’ora. Però sai, i gusti son gusti.

Sto per chiedere un etto di prosciutto cotto in offerta, quando una signora di una certa età con pesantissimo accento spagnolo mi chiede quale sia il prosciutto migliore per la seniora (immagino la sua padrona). Le spiego come suddividiamo gli affettati in Italia e tutta felice decide di comprare il prosciutto di Parma. Donne che discutono per chi c’è prima di chi e adoreranno una ventata di diplomazia, approfittatene.

Donne che si consultano sulla caciotta migliore da portare a casa. Inseritevi nel discorso e dite che quando c’è l’amore una caciotta vale l’altra. Ma date ragione alla più bella.

Donne che si invidiano la tinta o la borsa. Dite loro che stanno benissimo. Avercene!

Al banco delle insalate c’è sempre la magra, quella che si mantiene bene e mangia una foglia d’insalata al giorno. Scondita. E’ infelice, statene pur certi. Lì andate a botta sicura.

Al reparto pannolini trovate le neomamme. Sono in maternità o in aspettativa, hanno tempo da vendere. Tentar non nuoce. E poi magari sono pure single, che ne sai.

Mi metto in fila per pagare. Dietro di me, due signore piacenti, in fila alla cassa.

Sì sì! Capito? Subbito dice…

Eh, ho capito.

Anche ieri me fa chiamà dala signora e mme fa ddì de scenne subbito che mangiamo. Io calcola che stavo a llavorà. Me dice scendi e io scendo. Arivo….e sta a ffa la doccia. Allora io dico, sei un grandissimo maleducato. Ma io dico, dove sta il rispetto?

Eh ma lui fa ll’omo de casa, no? So tutti ccosì.

Queste so facili eh! Non più giovanissime ma facili!

Davanti a me una signora anziana e particolarmente rompicoglioni. Discute con la cassiera, che è giustamente esausta. Vabè, li è come sparare sulla Crose Rossa.

E che dire di quelle che si caricano nel portabagagli 10-11 buste gonfie di roba pesantissima? Date loro una mano, fate una battuta divertente, fatele ride! Che non aspettano altro! Ma non siate scacciafiga però. Cioè, la battuta fatela carina, sennò è la fine.

Quindi, cari uomini (ma, eventualmente, anche care donne) la mattina, anzichè leggere Metro o fare colazione al bar,  fatevi un giretto al supermercato. Non troverete gente nuda ma ne trarrete giovamento.

Annunci

Tag:, , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: