Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Dice che gli sconti vanno male. Lo dicono ogni anno. Prima i giornalisti fermavano le signore all’uscita dei negozi per chiedere cosa avevano comprato e quelle tutte eccitate, ancora arrossite per l’emozione dell’acquisto, tiravano giù una lista di roba ottenuta a prezzi vantaggiosi.

Da diversi anni ormai, i giornalisti incrociano gente triste, mesta, commessi con la coda tra le gambe che affermano che c’è un calo di una data percentuale rispetto alle previsioni, o all’anno precedente, o alle speranze. Un po’ come quando a Natale dicono che la spesa per i regali è diminuita, che vanno solo i generi alimentari, che si punta al dono utile e che le feste si passano a casa. Insomma un’iniezione di tristezza.

Allora mi sono detta: adesso vado pe sconti, voglio vedere se è così brutta la vita. Così mi sono avventurata in una breve passggiata per il torrido, umido e afoso centro di Roma capitale d’Italia. Ci ho provato. Mi sono detta: chissà che non trovi l’occasione del mese! Tra l’altro mi serve un vestito elegante, perchè presto sarò testimone di nozze.

Ebbene, i giornalisti dicono che i saldi vanno male, ma non dicono la verità, non dicono che i saldi sono ‘na vera porcheria. E in effetti è proprio così, fanno cagare. Tutto fa cagare. Vestitini che il cinese li cuce meglio venduti a peso d’oro. Capi delle stagioni passate, dai colori orripilanti, tagliati con le forbici da pesce. E poi dai, ti sfido. Provati un paio di jeans co sto caldo del menga! Provaci! Se riesci a infilarli, poi non li sfili più, che l’umidità te li appiccica addosso. Puoi solo sperare che le commesse non si accorgano che stai uscendo con un paio di pantaloni che non hai pagato, ma solo perchè non sei riuscito a toglierteli. E magari manco ti cadono bene addosso. I negozi sono vuoti. Vedi gli orientali che si fotografano davanti a Loius Vuitton e 5 o 6 bambini mediorientali che si immortalano davanti a Burberry. Tu ti aggiri per le strade cercando la catena che ti sembra offrire un miglior rapporto qualità prezzo, inutilmente.

Ma a che servono i saldi? Ma perchè c’è un momento in cui tutti fanno i saldi? Non sarebbe meglio fare come gli americani, che hanno sempre una parte del negozio con i vestiti a ribasso tutto l’anno? Se vai da Hollister c’è sempre una parte del negozio che vende in saldo.E poi c’è un gran profumo di California e i commessi ti salutano e ti sorridono e sono tutti belli e giovani.

Qui entri nei negozi e le commesse non ti si filano di striscio. Guardi gli stand con rimasugli raccapezzati in magazzino mezzora prima. Poi ti volti e vedi uno stand con roba un po’ più decente, quasi carina. Ti avvicini speranzosa, alzi lo sguardo e sopra c’è scritto nuova collezione.

Eh beh, ma allora vaffanculo!

Annunci

Tag:, , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: