Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Regoli il volume al massimo e infili il cellulare nello zainetto, così manderà tutta la playlist che hai scaricato illegalmente. La verità è che fare sport con le cuffie è una merda, mi cadono sempre, forse ho le orecchie piccole. Inforchi la bici vecchia e malfunzionante e vai.

A seconda della canzone che esce puoi immaginare di essere uno dei bambini di E.T. o un atleta consumato in testa al gruppo, in fuga verso la vittoria. Puoi anche essere uno scaltro e moderno lavoratore che attraversa il ponte di Brooklyn pedalando verso i soldi. Alternativamente, puoi pedalare per raggiungere il tuo amore, o per consegnare un messaggio di importanza cruciale prima che avvenga qualcosa di irreparabile. Puoi essere la star colta in un informale momento in bici e immortalata sul settimanale scandalistico più in voga. Puoi essere un amante della natura o un poliziotto di Pacific Blue. Puoi essere Jessica Fletcher che va a comprare le verdure o il pesce al porto di Cabot Cove.

Poi armeggi con i bulloni per regolare il sellino e puoi essere qualcuno che ha grande dimestichezza con gli attrezzi e con le mani riesce e mettere a posto tutto.

Perché alla fine fare sport è un po’ come leggere. Solo che leggere è un po’ meno faticoso.

Tag:, , , , , , ,

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: