Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

standbyme2

Un grassottello impacciato, un pazzo figlio di un pazzo, un teppistello che però alla fine non è cattivo e forse neanche un duro e che sogna di fuggire dal paesello e studiare, e poi l’aspirante scrittore, talentuoso e mite, con un sorriso dolce, che va d’accordo con il teppistello perché si accorgono l’uno della bellezza dell’altro.

Dodici anni, circa. Quando uno non pensa alla fine, forse non pensa a niente,  o non ci ha mai pensato fino a quel momento, fino al momento che ti accorgi che la vita non è per sempre e che alla fine niente è per sempre. Questi quattro se ne accorgono quando decidono di incamminarsi verso il luogo nel quale dovrebbe trovarsi il corpo di un loro coetaneo, per trovarlo e avere un momento di gloria. Una cosa da ragazzi, solo che non avevano previsto che avrebbe determinato un cambiamento e che da allora le cose sarebbero cambiate.

Poi in realtà, a dire il vero, manco volevo scrivere una parola su Stand by me, che l’ho visto prima di dormire ed è stato bello e mi ha fatto pensare a tante cose e pensavo che scriverne lo avrebbe rovinato. E secondo me è così. E mi dispiace ma non potevo non farci un post, perché mi è piaciuto troppo.

Alla fine, volevo solo dire che c’è sempre qualcuno a cui chiediamo di starci accanto.

Mentre camminiamo per strade difficili:

Stand_by_me

Mentre piangiamo e ci sentiamo che non valiamo un cazzo:

stand_by_me_1986_600x400_536814

Mentre pensiamo a tutte le cose che fanno paura:standbyme

E mentre decidiamo che ce la faremo:Stand-by-Me-Best-Movies-Based-on-Books-1

E poi ci sono quelli che ci rimangono accanto anche se non ci sono più, ma glielo chiediamo lo stesso:

stand by me

Tag:, , , , , ,

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: