Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Dai che la voce è arrivata sicuramente pure a voi: è arrivato Telegram, ovvero praticamente Whatsapp, solo che aumentato. Perché puoi mandarci molte più cose, perché dicono che ti ci puoi scambiare qualsiasi tipo di file ecc. Ma soprattutto, Telegram ha a cuore la tua privacy.

Telegram

Con Telegram ti riprendi il tuo diritto alla privacy. Che è un po’ come dire che Whatsapp sa tutte le cose che ci siamo detti fino ad ora per poche decine di centesimi l’anno e non ha intenzione di distruggerle. Anzi, le ha vendute a Facebook, che pure lui ha la memoria di un elefante.

Ma non solo, Telegram garantisce il diritto all’oblio, ad essere dimenticati, a distruggere quella foto del tuo culo che hai mandato in chat agli amici quando eri ubriaco. E questo non è poco.

Perché obbiettivamente, sai che me ne frega a me di mandare l’Ulisse di Joyce in chat a qualcuno, a me interessa che la mia privacy venga rispettata. A tutti interessa solo quello. Anche perché metti che un giorno diventi famoso? Whatsapp ti distrugge nel giro di 3 minuti, ritirando fuori quella conversazione piccante con il simpatico transessuale che hai conosciuto a quel party, o il tuo nome di battaglia sotto le coperte.

Così, in milioni, speranzosi, stiamo migrando verso Telegram. E la mia domanda è una: in che modo fa i soldi Telegram? Boh… Ma soprattutto, Telegram mi dice che delle mie cose private non gliene frega niente, che vai sereno, posso spedire le mie più intime informazioni a chi voglio, tanto resteranno tra me e chi voglio. Ma…chi me lo garantisce? Io non lo conosco il signor Telegram.

Allora, in poche parole, non resta che evitare di diventare famosi, così non ti si fila nessuno.

Advertisements

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: