Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

image

È proprio difficile parlare di un film famoso che ormai ne hanno parlato tutti. È difficile e basta, cioè…che altro devi dire? Però devo farlo. Per forza.

Avevo una certa paura a guardarlo, perché temevo che mi avrebbe deluso, temevo che fosse un polpettone francese e che avesse vinto Cannes solo perché parlava di due ragazze lesbiche ed era particolarmente esplicito. E poi dai, un film che dura tre ore non può non annoiarti. Ma ad un certo punto Adele dice che a volte ha iniziato libri brevissimi e li ha abbandonati dopo poche pagine, e magari ha divorato libri lunghissimi. Ecco. Esattamente.

Così ho visto due ore di film. Poi mi sono vestita,  sono uscita, ho parlato molto e bevuto troppo. Ed era tardi quando sono tornata ma fino a quasi le 4 del mattino ho dovuto sapere che cosa sarebbe successo.

E io non so spiegare perché quando mancava mezz’ora alla fine pensavo: no cazzo, manca solo mezz’ora…è impossibile che in mezz’ora io sappia cosa ne sarà davvero della vita di Adele. Perché si chiama La Vita di Adele ma in realtà cos’è? Che cos’è veramente la vita di Adele? Il suo carattere, i suoi errori, il suo grande amore con i capelli strani, il suo lavoro con i bambini, oppure sarà quel ragazzo moro che sicuramente le correrà dietro, anche se noi non lo vediamo, ma sarà così perché io lo so. E mi fa paura perché mi sa tanto che non è quello che vuole lei.

Quello che non so è se lei avrà la forza di ricominciare la strada difficile o penserà che, ora che ha perso ciò che desiderava, una cosa vale l’altra. Io questo non lo so. Ma avrei voluto saperlo, sarei stata disposta a vedere la seconda vita di Adele pur di scoprirlo. Ma non è andata così.

Perciò Adele avrà per sempre quella faccia senza rughe, i capelli disordinati, un appetito vorace e si allontanerà per sempre,  da sola, col peso di una cazzata sulle spalle, una sola cazzata che le è costata tutto, o forse le è costata meno di quanto non sembri ora, che pare tutto una merda, come sembra una merda sempre quando perdiamo l’amore. E che poi alla fine più che una cazzata è una conseguenza, ma è complicato.

Adele si allontanerà da sola ogni volta che mi verrà in mente la sua faccia, senza farmi sapere nient’altro di lei.

E a me dispiace parecchio…
image

Tag:, , , , , ,

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: