Skip to content

theselbmann

Jean de Santeul aveva ragione. E anche Eddie Murphy. E anche Charles Darwin.

Viviamo tutti con il mito di chi è diverso da noi. Una rockstar, un attore, un eroe. Qualcuno che non vive come noi. Qualcuno che, almeno nella nostra immaginazione, non deve preoccuparsi dei giorni, dello scorrere del tempo, delle bollette e della spesa. Uno che non è mai cresciuto, uno che vive della sua genialità, del suo estro. O magari del suo enorme culo.

Come Mr Toad. Oooh io amo Mr Toad. E’ pazzo. E’ un ricco pazzo che è nato pazzo ed è rimasto pazzo. Ha buttato via la sua fortuna per continuare ad essere pazzo. I suoi cari amici (la talpa, il tasso e il topo), non riescono a farlo rinsavire ma lo amano tanto.

mrtoad

Così lo vedi girare la notte in pigiama per correre dietro al suo sogno, scappato dalla sua stessa casa, e scappato dalla galera, e scappato da una vita tranquilla, perché della sua grossa casa e di una vita noiosa non se ne fa assolutamente niente. E anche se in prigione piangeva e giurava di cambiare, nessuno di noi può resistere a se stesso.

Così Mr Toad rimane con i creditori alle porte e con il rischio di rimetterci sempre l’osso del collo, ma ride come un pazzo ed è felice.

E quando ero piccola ho letto la sua storia. E ancora oggi vorrei ogni tanto essere un Mr Toad. E non mi interessa di quale sarebbe il giudizio della gente. Anche perché, come dice la sua storia

Pensiamoci bene prima di giudicarlo, noi talpe, tassi e topi. Non lo invidiamo un po’? Io lo invidio di sicuro.

Tag:, , , , ,

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: